29 febbraio 2016

Biancomangiare al Limone.

ON AIR
Malyca Ayane - La Prima Cosa Bella 

Quando ero piccola, succedeva a volte che mamma la sera ci preparava il biancomangiare. Succedeva la domenica, quando solitamente non si cenava dopo un pranzo festivo sempre troppo impegnativo. Tutte quelle volte io ero contenta. Mi piaceva un sacco il biancomangiare anche perché mamma, da brava siciliana, sapeva prepararlo davvero bene. Era un biancomangiare semplice, preparato con latte vaccino e la scorza del limone che mamma aggiungeva per intero. Quello che poi mi piaceva di più, era il momento in cui il biancomangiare finiva nei piatti e più precisamente nei piatti fondi...a me sembrava una minestra!!!
Da quei tempi sono passati tanti anni e nuove vite, però quella certezza di quel profumo di limone sembra come se ogni domenica sera fosse lì, accanto a me. 

Per il giro di Febbraio, ho pensato di chiudere il Menù di StagioniAMO proprio con il biancomangiare. Nessuna rivisitazione, semplice così come mamma lo preparava. 

Buona giornata bella gente.

BIANCOMANGIARE AL LIMONE
ingredienti
300 ml di latte vaccino 
130 gr di zucchero
60 gr di amido di frumina
1 bustina di vanillina
la scorza di 1 limone non trattato

Setacciare insieme l'amido con lo zucchero e la vanillina. Versare il tutto in un pentolino su fiamma bassa e con una frusta mescolare aggiungendo a poco a poco il latte. Aggiungere metà della scorza del limone e lasciare cuocere sempre su fiamma bassa. Appena inizia a bollire, mescolare più velocemente per qualche minuto. Servire il biancomangiare cospargendo la superficie dell'altra metà di scorza di limone ma grattugiata. 

ON THE TABLE
Not Brown Ale di Samuel Smith
con sentori di noci e nocciole e un finale piacevolmente amarognolo
in collaborazione con Diario Birroso



Sulla tavola di StagioniAMO sono già state servite tutte le altre portate, accompagnate come sempre dalla birra proposta dal nostro birraio di fiducia. Vi lascio i link delle ricette e ancora il mio grazie speciale per la partecipazione di Patrizia di Qualcosa di Buono come guest star. 

Antipasto - Polpettone di Quinoia, Feta e Pomodori secchi al Limone, Coffee&Mattarello
Primo - Risotto di Mazzancolle al Limone e Erba Cipollina, Crumpets&Co

26 febbraio 2016

Pasta gratinata con Besciamella e Spinaci.

ON AIR
Negrita - Bambole

Lo scorso fine settimana, dopo il pessimo esperimento della Lasagna (basta vedere foto post precedente), c'ho riprovato ma non a fare la lasagna ma la besciamella. Alla fine il risultato non è stato poi così deludente anche se credo determinante siano stati i 300 gr di pasta, al contrario della scorsa volta...troppa pasta per poca besciamella. Il nuovo tentativo l'ho fatto preparando una pasta gratinata e unendo alla besciamella gli spinaci...bona!!!!

Il fine settimana è alle porte, voi che preparerete di buono? Nella mia cucina tutto è pronto...quasi...per il dolce di StagioniAMO, #staytuned.

PASTA GRATINATA CON BESCIAMELLA E SPINACI
ingredienti
300 gr di pasta (calamarata della Rummo)
200 gr di spinaci
pecorino
350 ml di latte
30 gr di burro
30 gr di farina 00
noce moscata

Per la besciamella, sciogliere il burro a fiamma media in una pentola larga. Aggiungere la farina e mescolare fino ad ottenere un impasto senza grumi. Lasciare raffreddare e aggiungere la noce moscata. Lessare gli spinaci, condirli con olio e sale e passarli nel mixer. Unire spinaci e besciamella, aggiungere abbondante pecorino e mescolare insieme. Cuocere la pasta e tirarla su al dente, versarla in una pirofila insieme alla besciamella e mescolare fino a quando la pasta non sarà ben ricoperta. Cospargere ancora di pecorino o parmigiano e infornare a 200° per 30 minuti.

20 febbraio 2016

Lasagna con Radicchio, Stracchino e Besciamella.

ON AIR
Bruce Springsteen - Badlands

Alla faccia del #solocosehomemade, oggi vi racconto della mia lasagna.
Premesso che piano piano mi sto riprendendo da questo cambio casa devastante, premesso che sono a dieta (riso e tisana, tisana e riso), è un periodo questo di sconforto legato più che altro ad una situazione che mi/ci coinvolge da vicino: il nostro paese che non ce la fa!!!! Personalmente inizio a sentire la fatica di questo appiattimento e di non crescita. Lavoro per un'azienda legata ahimè alle dinamiche nazionali in maniera esponenziale, dove i lavoratori, perché ancora esistono e sono tanti e pure bravi, sono completamente abbandonati senza un barlume di rinascita. Meritocrazia o semplicemente gratitudine sono due parole che non accetto eliminare dal mio quotidiano e continuerò ad essere fra quei lavoratori che ci credono e "quasi" certi che il riconoscimento della professionalità avrà la meglio su tutta...'sta monnezza!!!
Che c'entra la lasagna? Lo scazzo di cui sopra, mi sta mettendo KO in cucina. Diciamo che in questo periodo il #solocosehomemade lo sto praticando davvero poco e allora mi lancio, con un forte colpo al cuore, sulle lasagne già pronte...intendo la sfoglia. Talmente per me una cosa inusuale che prima di decidere se prendere la sfoglia fresca o quella secca ci ho messo un po'. Fatto sta che mi sono lanciata e ho preso la sfoglia fresca. Ma il risultato è a dir poco deludente. Al secondo giro l'ho preparata con radicchio, stracchino e besciamella...e qui sono stata brava perché non sono caduta nella tentazione del confezionato. Per farla breve, preparare il ripieno di una lasagna non è il mio massimo anzi direi "nun so proprio capace". E qui chiedo aiuto a voi sul consigliarmi una ricetta della besciamella perfetta...o quasi!!! 
Nel mentre lascio la ricetta del mio disastro, vi auguro uno splendido fine settimana. 

Buona giornata bella gente. 

LASAGNA CON RADICCHIO, STRACCHINO E BESCIAMELLA
ingredienti
sfoglia lasagna fresca
radicchio rosso tondo di chioggia
stracchino
30 gr di burro
30 gr di farina 00
500 ml di latte
1/2 cipolla
1 pizzico di noce moscata
sale
pepe 

Sciogliere il burro a fiamma media in una pentola larga, aggiungere la farina e mescolare fino ad ottenere un impasto senza grumi. Lasciare raffreddare per qualche minuto e dopo aggiungere il latte tiepido poco a poco, mescolando di continuo. Rimettere la pentola su fiamma media e aggiungere la cipolla (senza tagliarla a pezzi). Lasciare bollire per 10 minuti. Se la besciamella diventa troppo densa aggiungere del latte. Aggiungere il pizzico di noce moscata e mettere la besciamella a raffreddare.  Tagliare le foglie di radicchio e passarle nel mixer insieme allo stracchino e aggiungere olio e sale quanto basta. Mescolare insieme il mix di radicchio con la besciamella e preparare la lasagna. Informare a 200° per circa 20-30 minuti. 


6 febbraio 2016

Crostata di frolla allo Yogurt farcita con Marmellata di Pere e Ricotta.

ON  AIR
The Beatles - It's Been Hard Day's Night

A proposito di diete. Questa volta è vero: ho iniziato una dieta. E si perché mi sentivo tutta sregolata, gonfia, appesantita, pigra così che ho deciso di darci un taglio. Via tutti gli spuntini diurni, via sale, via latte, via dolciumi vari confezionati...insomma 'na dieta fatta de riso e tisane!!! O maronna mia!!! Ma pare....assolutamente dimostrato....che per dimagrire drasticamente bisogna andarci giù pesanti e a me il medico non ha lasciato tante alternative. Sia chiaro non che sia obesa ma non sono neppure magra, come diceva mia mamma durante la mia infanzia "la bambina è un po' cicciottella" e così sono rimasta. 

Questa volta mi sono lanciata perché oggettivamente mangiare bene e con attenzione, mi fa stare più leggera anche e soprattutto con il cervello. 
Però qui lo posso confidare, lo sgarro io me lo concedo e lo faccio quando? Il sabato mattina una fetta di crostata fatta in casa da me non si nega a nessuno!!! 

Mentre scrivo sono in viaggio per Milano, un andata e un ritorno in giornata!!! 
A voi la ricetta home made della crostata di  yogurt.

Buon fine settimana rockers.

CROSTATA DI FROLLA ALLO YOGURT FARCITA CON MARMELLATA DI PERE E RICOTTA
ingredienti
350 gr di farina 00
1 uovo
140 gr di zucchero
60 gr di olio di semi di girasole
1 vasetto di yogurt cremoso bianco
1 pizzico di sale
1 cucchiaino di lievito per dolci
la buccia grattugiata di un limone
1 vasetto di marmellata di pere
250 gr di ricotta

Impastare insieme tutti gli ingredienti e lasciare riposare la frolla ottenuta per circa 30 minuti. Stendere la pasta in uno stampo da crostata, bucarellare il fondo con i rebbi di una forchetta, farcire con la marmellata e per ultimo decorare con le strisce di pasta frolla messe da parte. Infornare a 180° per abbondanti 30 minuti.



4 febbraio 2016

Quiche Lorraine.

ON AIR
Negrita - Hemingway

Stare in una casa nuova comporta cambiamenti determinanti, se poi a cambiare casa è una food blogger di non successo (tipo me), i cambiamenti sono devastanti. Nuove luci, nuovi set, nuove posizioni, nuova tavola...e qualsiasi foto scattata è imprecisa, storta, non a fuoco. Tutte quelle nozioni acquisite....perse così in un attimo!!!

Prima di pubblicare questa ricetta, c'ho pensato parecchio e la realtà è che più guardavo le fotografie scattate e più non mi piacevano anzi e più non mi piacciono. Ma preparare una Quiche Lorraine come la Francia comanda almeno in casa mia non è un pasto da tutti giorni. Quindi mi sono fatta forza e coraggio e ho scelto la foto quasi migliore. 

Per la ricetta, come per tutte le altre ricette parigine che trovate in questo blog, mi sono inspirata alla cucina parigina di Rachel Khoo. 

Buona giornata rockers.

QUICHE LORRAINE
ingredienti

per la base
90 gr di burro 
1 cucchiaino di zucchero
1 pizzico di sale
180 gr di farina 00
2 tuorli 
acqua ghiacciata

per la farcia
150 gr di pancetta affumicata guanciale
4 uova
350 gr di mascarpone
1 cucchiaino di sale

Impastare insieme gli ingredienti per preparare la pasta brisée, aggiungendo acqua fino a quando la massa diventa liscia e senza grumi. Avvolgere con una pellicola trasparente e lasciare riposare minimo un'ora.
Tagliare a fette il guanciale, saltarlo in padella e lasciarlo raffreddare su carta assorbente. Con una frusta sbattere insieme le uova e il mascarpone,  fino a quando non saranno bene amalgamati. Aggiungere il sale. Stendere la pasta in una teglia da forno da 24 cm e bucarellare la pasta con i rebbi di una forchetta. Coprire la base con i pezzi del guanciale e versare l'impasto di mascarpone, livellare e infornare a 180° per circa 40 minuti. Servire la quiche tiepida.

uova e burro meglio se utilizzato a temperatura ambiente