27 febbraio 2015

Arancini quelli dolci (il mio comfort food).

ON AIR
Bruce Springsteen - This Hard Land

A proposito di comfort food, per diverso tempo sono stata convinta si trattasse di cibo facile da preparare senza troppi ingredienti e magari senza neppure le fiamme. E invece tutt'altro. Così che mi sono messa a studiare e ho capito di cosa si sta parlando...finalmente!!!

Ma cos'è il comfort food? 

Con il termine inglese comfort food, sempre più in voga anche in Italia, si indicano gli alimenti o i piatti che pervadono di un senso di piacere chi li consuma, che soddisfano un bisogno emotivo e sono noti per la sensazione di benessere che regalano al corpo. L’aggettivo inglese “comfort” si presta a più interpretazioni: dalla capacità del cibo di confortare, consolare, coccolare a quella di ristorare.

Per gli italiani il comfort food è quel boccone carico di ricordi, quell'emozione che ricompare più viva che mai non appena si gusta la pietanza del cuore; è un piatto, un alimento o una bevanda che infonde un sentimento di nostalgia e di rassicurazione. In genere è il cibo dell’infanzia o legato a una persona, a un posto o a un tempo felice. La torta della nonna, ad esempio, ma anche le tagliatelle della mamma, il polpettone della zia o lo sformato di zucchine. Tutto può essere comfort food.

E ieri pomeriggio quello di cui avevo bisogno erano proprio i ricordi, il tepore di casa quella di mamma, il profumo dell'arancia.
Nostalgia?
Malinconia?
Forse solo voglia di sentirsi ancora senza responsabilità, coccolati, pensare che tanto c'è mamma. 
Un comfort food è stato l'ideale per spazzare qualsiasi preoccupazione e sentirsi rassicurati. 
Ho impastato gli arancini. Quelle dolcissime  girelle che mamma preparava per il carnevale. Con la ricetta sono andata a memoria ma con quelli che preparava mamma non c'è storia che regga. 

Buona giornata. 

ARANCINI DOLCI
ingredienti
370 gr di farina
80 gr di zucchero
3 uova
60 gr di burro 
1 cucchiaino di lievito
scorza limone
scorza di 2 arance
sale
olio per friggere

Su una spianatoia mettere la farina e lo zucchero a fontana, aggiungere il burro ammorbidito e amalgamare le uova uno alla volta. Impastare energicamente e aggiungere la scorza del limone, il lievito e un pizzico di sale. Continuare ad impastare fino ad ottenere un impasto morbido e omogeneo. Stendere la pasta e grattare sopra la scorza delle arance e cospargere dello zucchero su tutta la pasta. Arrotolare la pasta e tagliare gli arancini. Friggere in olio caldo  scolare su carta assorbente. Spolverare con lo zucchero. 


Su una spianatoia predisporre la farina a fontana, lo zucchero, il burro a pezzi ammorbidito. Amalgamare le uova una alla volta, impastare energicamente e unire prima la scorza del limone, il lievito e il pizzico di sale. Continuare ad impastare fino ad ottenere un impasto morbido ed omogeneo. Tagliare a pezzi e formare le castagnole. 
In una padella scaldare abbondante olio di semi. Appena raggiunta la temperatura, tuffare le castagnole e lasciarle friggere fino a quando non assumono un colore dorato. Togliere le castagnole dall'olio e metterle a scolare su carta assorbente. Spolverare con lo zucchero a velo.
- See more at: http://www.caffebabilonia.com/#sthash.ZxlpcnEs.dpu

21 febbraio 2015

Crostatine di Kamut (con la Nocciolata di Rigoni di Asiago).

ON AIR
Giorgia - Mangio Troppa Cioccolata

E sempre a proposito di home made, noi (io e mio figlio) le crostatine questa volta le abbiamo preparate con la farina di kamut e con la crema di nocciole più golosa e genuina che si trova fra i banchi dei supermercati: la NOCCIOLATA di Rigoni di Asiago che per farsi capire al volo dalla collega che mi chiede "che cioccolata hai messo" io rispondo: quella di Rigoni!!! 

Have a nice week end!!! 

CROSTATINE DI KAMUT
ingredienti
1 uovo
100 gr di burro
200 gr di farina di kamut
nocciolata

Lavorare velocemente e insieme la farina, il burro ammorbidito e lo zucchero. Ricoprire la frolla ottenuta on la pellicola e mettere a riposare in frigo per circa mezz'ora. Stendere la base negli stampi e precuocerla in forno per circa 10 minuti, avendo cura di bucare la pasta. Lasciare raffreddare la base, farcirla con la NOCCIOLATA, stendere le strisce e infornare a 180° per 25 minuti.
Fate una fontana e lavorate il burro ammorbidito con lo zucchero. Aggiungete l'uovo, precedentemente tenuto a temperatura ambiente. Lavorate velocemente. Lasciate riposare la pasta frolla in frigo per almeno mezz'ora.
Stendete la base e precuocetela in forno per 5-10 minuti. Se si tiene la base in frigo averla stesa, non serve bucarla. Lasciate intiepidire la base, aggiungete la confettura, decorate la crostata e infornate a 180 °C per 20-25 minuti.
- See more at: http://www.caffebabilonia.com/search?updated-max=2015-01-15T07:00:00%2B01:00&max-results=3&start=3&by-date=false#sthash.84lGS2tv.dpuf
1 uovo
1 etto di burro
2 etti di farina
confettura di frutta

Fate una fontana e lavorate il burro ammorbidito con lo zucchero. Aggiungete l'uovo, precedentemente tenuto a temperatura ambiente. Lavorate velocemente. Lasciate riposare la pasta frolla in frigo per almeno mezz'ora.
Stendete la base e precuocetela in forno per 5-10 minuti. Se si tiene la base in frigo averla stesa, non serve bucarla. Lasciate intiepidire la base, aggiungete la confettura, decorate la crostata e infornate a 180 °C per 20-25 minuti.
- See more at: http://www.caffebabilonia.com/search?updated-max=2015-01-15T07:00:00%2B01:00&max-results=3&start=3&by-date=false#sthash.84lGS2tv.dpu
1 uovo
1 etto di burro
2 etti di farina
confettura di frutta

Fate una fontana e lavorate il burro ammorbidito con lo zucchero. Aggiungete l'uovo, precedentemente tenuto a temperatura ambiente. Lavorate velocemente. Lasciate riposare la pasta frolla in frigo per almeno mezz'ora.
Stendete la base e precuocetela in forno per 5-10 minuti. Se si tiene la base in frigo averla stesa, non serve bucarla. Lasciate intiepidire la base, aggiungete la confettura, decorate la crostata e infornate a 180 °C per 20-25 minuti.
- See more at: http://www.caffebabilonia.com/search?updated-max=2015-01-15T07:00:00%2B01:00&max-results=3&start=3&by-date=false#sthash.84lGS2tv.dpuf



17 febbraio 2015

Castagnole.

ON AIR
Gianna Nannini - Dedicato a te

A Carnevale ogni scherzo vale. 
E questa volta lo scherzo me lo sono fatto bello grosso....HO FRITTO LE CASTAGNOLE e chi mi conosce, sa della mia ostilità nei confronti del fritto. 
Ma resistere all' home made di queste allegre palline è impossibile. 

La ricetta l'ho catturata dal web, fra quelle che nella descrizione c'era scritto: ricetta originale. 

PS. MA COME SI FA AD OTTENERE LE CASTAGNOLE LISCE COME QUELLE CHE SFORNANO LE PASTICCERIE???

CASTAGNOLE
ingredienti
370 gr di farina (io ho messo la 00)
80 gr di zucchero 
3 uova
60 gr di burro
1 cucchiaino di lievito vanigliato
la scorza di un limone grattugiato
zucchero a velo
olio di semi per la frittura 
sale

Su una spianatoia predisporre la farina a fontana, lo zucchero, il burro a pezzi ammorbidito. Amalgamare le uova una alla volta, impastare energicamente e unire prima la scorza del limone, il lievito e il pizzico di sale. Continuare ad impastare fino ad ottenere un impasto morbido ed omogeneo. Tagliare a pezzi e formare le castagnole. 
In una padella scaldare abbondante olio di semi. Appena raggiunta la temperatura, tuffare le castagnole e lasciarle friggere fino a quando non assumono un colore dorato. Togliere le castagnole dall'olio e metterle a scolare su carta assorbente. Spolverare con lo zucchero a velo.


7 febbraio 2015

Gnocchi con Moscardini e Cime di Rapa.

ON AIR
Gianna Nannini - Un'Avventura


Continuano le giornate piene, il tempo sembra davvero volare. 
Prima che questo inverno passi, vi lascio la ricetta dei miei gnocchi home made...preparati in una giornata dedicata a noi...fra profumo di buono.

Have a nice week end!!!

GNOCCHI CON MOSCARDINI E CIME DI RAPA

INGREDIENTI
1 kg di patate
1 uovo 
farina qb
circa 30 gr di pecorino
500 gr di cime di rapa
500 gr di moscardini
2 cucchiai di pomodoro
1 peperoncino
1 spicchio d'aglio 
olio evo 
vino bianco


Preparare i gnocchi home made (la preparazione la trovate qui). Lessare le cime di rapa per qualche minuto in acqua bollente. 

Nel frattempo scaldare una padella e aggiungere uno spicchio d'aglio, il peperoncino e un filo d'olio. Tuffare le cime di rapa in padella e lasciare insaporire per qualche minuto, aggiungendo il sale se gradito.
In una casseruola mettere a rosolare i moscardini con l'olio e uno spicchio d'aglio, sfumare con il vino bianco e aggiungere il pomodoro. Lasciare cuocere per circa 30 minuti. Aggiungere le cime di rapa sminuzzate e lasciare ancora su fuoco lento. Cuocere gli gnocchi con la stessa acqua utilizzata per le cime di rapa, scolarli e versarli in padella con i moscardini e le cime di rapa. Saltare velocemente aggiungendo mezzo bicchiere di olio a temperatura frigorifero. Mantecare a fuoco spento con il pecorino grattugiato.


2 febbraio 2015

#37: Toast con Radicchio, Ricotta e Salsiccia.

ON AIR
Raf - Infinito

A proposito di StagioniAMO, oggi un post breve ma gustoso a base di Radicchio...l'ingrediente di Febbraio.

Sono giorni pieni di tutto, novità, corse, stanchezza, viaggi in metropolitana e pochi ritagli di tempo libero.
Fortunatamente l'antipasto di questo mese era già pronto da qualche giorno.

Del radicchio vi scrivo un aneddoto che ho trovato in rete, dedicato alle sue origini che anche per questa verdura si perdono nella notte dei tempi. 
Si racconta che alcuni uccelli avrebbero lasciato cadere il seme di questa cicoria selvatica sopra il campanile del paese di Dosson di Casier, alle porte di Treviso, trovato poi dai frati che l'avrebbero accudito con cura e poi coltivato fino a trasformarlo nel pregiatissimo e famoso Radicchio Rosso di Treviso IGP.

Ma quello di Rosso di Treviso è solo una delle tante qualità di Radicchio. Per l'approfondimento pazientate fino al dolce, quando Terry nella sua cucina di Crumpets&Co, da brava veneta, ci racconterà tutte le qualità che offre il bel paese. 

P.S. Se avete perso i vincitori di StagioniAMO IL CONTEST, fate un salto qua.

Buona giornata.


TOAST CON RADICCHIO, RICOTTA E SALSICCIA
INGREDIENTI
pane bianco per toast
radicchio rosso di chioggia
salsiccia fresca di prosciutto
ricotta di mucca
sale
olio evo
aglio

In una padella scaldare l'olio con uno spicchio d'aglio, aggiungere il radicchio tagliato e lasciare appassire su fiamma media. Nel frattempo in una ciotola, sgranare la salsiccia, aggiungere un cucchiaio di ricotta e mescolare aggiungendo sale e olio quanto basta. Quando il radicchio sarà  tiepido, togliere l'aglio e passarlo  al mixer elettrico e dopo unirlo alla salsiccia, mescolando fino ad ottenere una crema compatta. Mettere per qualche minuto le fette di pane in forno preriscladato a 160°. Riprendere il pane dal forno e su ogni fetta spalmare abbondante crema di radicchio. Infornare di nuovo per circa 15 minuti.