Ricetta bianco e nero: Torta di Mele di Nonna Maria


"Nel vecchio ricettario di famiglia, aggiornato negli anni da mia madre, ma scritto in gran parte dalla nonna paterna che aveva rielaborato ricette ancora precedenti provenienti dalla bisnonna, compaiono ogni tanto preparazioni strane che, senza dubbio, nulla hanno a che fare con la tradizione dolciaria del mio paese. La ricetta della TORTA DI MELE DI NONNA MARIA è uno di questi esempi: si tratta di una versione rivisitata della apple pie americana, portata nella nostra famiglia dalla mia nonna materna, emigrata da giovane negli Stati Uniti, la quale si era naturalmente adattata al modo di cucinare d'oltre oceano, ma aveva l'abilità di dare sempre un tocco italiano anche alle ricette più tipicamente americane, contaminandole positivamente con qualche sapore della sua patria d'origine. I piatti più riusciti che avevano l'approvazione dei parenti italiani, piuttosto sofisticati ed esigenti in fatto di cibo, ma sempre curiosi ed aperti alle novità, ebbero l'onore di entrare a far parte dei menù quotidiani, trovando la loro collocazione ideale tra tanti piatti della tradizione e venivano presentati da mia madre, con una punta di civetteria, come le ricette di nonna Maria. Tra i più riusciti ed amati, ci sono dei rotolini di cannella e questa torta di mele che prevede una pasta fatta senza l'aggiunta di uova, mentre il composto interno è leggermente speziato alla maniera americana."
Manuela Di Chiara


INGREDIENTI
per la pasta 
400 g di farina 00
200 g di burro a temperatura ambiente
180 g di zucchero
4 cucchiai di acqua fredda

per la farcitura
3 mele renette
4 cucchiai di zucchero
4 cucchiai di biscotti secchi sbriciolati o pan grattato
1 cucchiaino di cannella


Sbucciare le mele, tagliarle a fette non sottile e metterle in una terrina cospargendo sopra lo zucchero e cannella. Tenere da parte e mescolare di tanto in tanto.

Preparare la pasta unendo sulla spianatoia la farina e lo zucchero e il burro a pezzi. Mescolare l'impasto con le dita in modo da amalgamare il burro agli altri ingredienti fino ad ottenere una sorta di briciolame al quale aggiungere i quattro cucchiai di acqua fredda. Lavorando velocemente la pasta, si otterrà una pasta liscia e morbida ma non più appiccicosa, pronta per essere stesa. 
Imburrare bene uno stampo alto 5 cm e di diametro 24-26 cm.
Dividere la pasta in due parti di cui una leggermente più piccola. Utilizzare la parte più grande per stendere una sfoglia rotonda di circa 10 cm in più rispetto al diametro dello stampo in modo che, una volta stesa la sfoglia nello stampo, possa risalire il bordo. 
Una volta pronta la sfoglia base (che consiglio di stendere su un foglio di carta da forno) passarla sulla base dello stampo e poi preparare, con la seconda parte dell'impasto, la seconda sfoglia questa volta dello stesso diametro della tortiera. 
Spargere 4 cucchiai di pan grattato sopra la base già nella tortiera e subito dopo versare le mele con il liquido e coprire con la seconda sfoglia. Non occorre livellare la pasta, basterà far aderire bene i bordi delle due sfoglie (quella base e quelle di copertura).
Spennellare la torta con un po' di latte e spolverizzare con lo zucchero semolato. Infornare e far cuocere il dolce per 35-40 minuti alla temperatura di 180°. Ad ogni modo togliere dal fuoco quando la superficie sarà dorata e il bordo leggermente più scuro. 

La ricetta del libro scrive che è squisita accompagnata da due palline di gelato alla vaniglia e della panna montata, io vi dico che mangiata tiepida è qualcosa di davvero spaziale!!!

Commenti

  1. Ciao .. dopo le vacanze di nuovo .. visitandote .. BUON ANNO NUOVO INGRESSO tardivamente. Amo la ricetta, la tua torta di mele ... Vi invito a un pezzo della mia torta di mele baci Marimi

    RispondiElimina
  2. amicaaaaa!!!!!!!!
    non sai che emozione pensarti in cucina con il libro dei dolci!!!!
    che torta meravigliosa hai sfornato!!!
    adoro le torte di mele...e siiii mangiata tiepida è spaziale!!
    kiss!!!

    RispondiElimina
  3. @garlutti: buon anno anche a te!

    @chiara: la ricetta appartiene a un volume magico, non poteva che essere buona!

    RispondiElimina
  4. Ciao Fede!!!!!!! ma tu guarda che bella ricetta... io le amo le torte di mele.. ma sai che è un pò che non ne faccio?? baci e buona giornata :-)

    RispondiElimina
  5. @claudia: ma grazie tesora, se è tanto che non le fai beccati la ricetta e tuffati nell'universo mele al profumo di cannella!!!

    RispondiElimina
  6. ciao io adoro queste torte belle speziate, me la segno! buona serata

    RispondiElimina
  7. la torta di mele e' sempre spaziale, buonissima e profumatissima!!! ^-^

    RispondiElimina
  8. Una delle torte più buone in assoluto, almeno per me!
    Bellissimo anche il tuo viaggio a Parigi (che invidia)
    Approfitto del passaggio per augurarti un buon 2012!

    RispondiElimina
  9. Felice di scoprire che la torta di mele non delude nessuno, grazie e auguro ancora a tutti un buon 2012!

    RispondiElimina
  10. Anche la mia nonna preferita si chiamava Maria e questa è la classica torta che profuma di casa, di nonne, di calde coccole. Un bacione, buon we

    RispondiElimina
  11. OTTIMA....DIREI SUCCULENTE ....IDEALE PER UNA PRIMA COCLAZIONE...bRAVA E BUONA VITA E BUONA CUCINA

    RispondiElimina
  12. @federica: ciao fede, assolutamente si profumo di mele e cannella a riscaldare una domenica pomeriggio d'inverno!!!

    @graal77: per la prima colazione, per la merenda del mattina e ancora per quella del pomeriggio...tks!!! ;-)

    RispondiElimina

Posta un commento