31 agosto 2011

Riso bianco, philadelphia e spezie di Civitanova Marche

Oggi ultimo giorno di questo caldo agosto. Nell'aria già nostalgia di estate, un'estate troppo breve e senza neppure dedicare qualche giorno al mare sembra ancora un'estate più breve. 

A viaggiare insieme alle nostre menti verso mete lontane, un piatto semplice e profumato che ricorda l'intensità di un momento vissuto in questo mese appena trascorso. 

Riso bianco, philadelphia e spezie di Civitanova Marche. 

Prima di salutare la terra marchigiana, Chiara ci fa dono, magicamente, di tre coloratissimi contenitori di spezie aromatiche e non solo. Il rosso del peperoncino sembra appena schizzato da un tubetto di colore a tempera mentre il profumo dell'origano rievoca momenti felici trascorsi correndo nell'orto della nonna. 
Unendo le spezie e un cucchiaio di philadelphia durante la cottura del riso (che non deve essere scotto), il risultato sarà quello di un piatto ricco di sapori, semplice e facile da preparare. 
A scelta, dopo la cottura, aggiungere un altro cucchiaio di philadelpia...una cremina deliziosa vi farà leccare i baffi e il piatto!!!

21 agosto 2011

Civitanova Marche...."quando i sogni diventano realtà".

Finalmente Civitanova Marche. Una partenza senza troppi preparativi, di quelle partenze che le senti nascere nel cuore, di quelle partenze che vorresti riempissero spesso la vita. 
Per un giorno il tempo si è fermato, gli sguardi si sono incrociati, le parole incontrate e gli abbracci scaldato gli affetti...e la magia ha fatto il suo dovere. 

faro di Civitanova Marche


Ad accoglierci dopo 300 km, i nostri compagni di sogno: Chiara e Samuele. La loro splendida genuinità ci ha portato a conoscere in meno di ventiquattro ore, alcuni dei posti della ricca e generosa terra marchigiana. Dalle vallate ai piccoli borghi, dal pezzo di costiera adriatica al profumo del rum...tutto aveva una sapore buono.


Civitanova Alta


La luna di Civitanova Alta, ad illuminare la nostra lunga nottata che ha preso ancora più calore nel paradiso immerso nella campagna dei nostri amici. Rum e profumo di Cohiba, i protagonisti indiscussi di un momento magico che nel mentre scorreva non sembrava possibile che così tanta magia fosse intorno a noi. 




Ancora sguardi, ancora sorrisi, ancora abbracci, ancora parole e silenzi, ancora sogni...tutto rimarrà per sempre scritto nel cuore di NOI. 
Grazie amici....

"porto dentro quei sorrisi, le parole, gli sguardi, i visi. E qualcuno ancora si stupisce del fuoco sacro che ci unisce, scosse forti all'anima che nessuno scorderà più"
Negrita

4 agosto 2011

Benvenuti ad Orsara di Puglia

Cacchio quanto tempo è trascorso dal mio ultimo post, assolutamente troppo!!! 
Ho visto i giorni del mese appena passato trascorrermi velocemente lasciandomi sempre una dolce nota di ricordo. Un mese davvero ricco di eventi, incontri, nuove avventure e km trascorsi e così che il tempo a disposizione ne restava poco...troppo poco da dedicare al blog "accuratamente".

Allora decido oggi di ricominciare magari riprendendo le mie avventure fra le mani raccontandovi sensazioni e situazioni.

Riparto dall'ultima, quella più romantica vissuta in un paese delizioso dove tutto ha il sapore di buono: Orsara di Puglia.


Dopo aver percorso 329 km da Roma, i nostri occhi scoprono il borgo medioevale di Orsara di Puglia immerso in una foresta sull'ultimo tratto della catena degli appennini.
L'aria fresca che si respira nel centro del borgo, ci regala subito l'energia migliore per gustare un fine settimana pieno di sapori tipici ed incontrare gente meravigliosa che la sua tradizione gli scorre nelle vene.



Passeggiano lungo i vicoli di Orsara, è sufficiente per fare carico di positività anche restando a guardare la gente del posto che con immensa quiete vivono la quotidianità senza rimanere indietro con il tempo che frettolosamente avanza.

vecchi di Orsara di Puglia


E' un piacere regalarvi qualche scatto di questo magico paese. Se passate di lì fermatevi e gustatene la meraviglia!!!