29 aprile 2010

Il Mio Blog Compleanno tra i Libri

Libri e ancora Libri, quelli da leggere e quelli da rileggere, rivisTe da sfogliare e città da scoprire. In questo periodo i miei occhi hanno una vasta scelta di nuove letture ma sempre più spesso mi capita di riprendere tra le mani libri già letti ed elaborati e allora mi rimetto lì a rileggerli cercando di percepire più attentamente l'emozione così da confrontarla con quella vissuta precedentemente. In questo mese di Aprile ho ricevto in dono diversi nuovi testi e negli ultimi due giorni in edicola ho trovato riviste con interviste, a me, molto interessanti quindi davvero non riesco a mettere il punto su nessuna riga. Questa sera ho accantonato un attimo la pila di libri perchè prima che chiuda questo Aprile 2010, vorrei festeggiare il mio primo blog compleanno insieme a voi. E' trascorso un anno dall'inzio della mia avventura blogger che non smette mai di entusiasmarmi grazie all'intervento costante di tutti voi. Donerei a tutti voi un libro ma ne ho uno solo da regalare quindi ritagliate qualche attimo per lasciarmi un messaggino qui sotto e ricordarvi di passare il 23 maggio giorno in cui chiuderò per l'estrazione del vincitore.
GRAZIEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEE

26 aprile 2010

Insalata di Farro svuotafrigo

Ma che meraviglia svegliarsi la mattina con il profumo dei fiori che delicatamente invade la stanza e quanta felicità a vedere la fioritura. Con gli occhi ancora chiusi dal sonno, tutte le mattine vado a vedere i miei fiori che piano piano ce la fanno. I colori così intensi dei fiori davvero donano un'energia positiva, il miracolo della natura stupisce e coccola quotidianamente.Ma colori così allegri li ritroviamo anche nelle nostre tavole e allora che ne dite di un'inslata di farro svuotafrigo??? Gli ingredienti sono quelli ce ci sono nel frigo e prossimi alla scadenza...e assolutamente non possiamo buttarli!!! Le insalate fredde sono ideali anche come soluzione pranzo veloce e a sacco per chi, come me, pranza fuori casa. IO ne divoro tonnellate, soprattutto ora che arriva la bella stagione. Sono leggere e digeribili. Risvegliano la mente con tutti quei colori e odori, invadono l'anima di allegria. Le spezie hanno sempre la loro parte da protagoniste, sono le sostitute ideali del sale. E allora sbizzariamo le menti e svuotiamo i frighi...sembra quasi uno slogan di una pubblicità!!!

22 aprile 2010

La scuola degli ingredienti segreti

Un altro post dedicato alla lettura e al tutto quel fantastico mondo di emozioni che racchiude. Un libro è un viaggio di conoscenza attraverso sapori spesso di terre lontane, spesso di luoghi a noi conosciuti ma dei quali non ci saziamo mai di saperne qualcosa in più.
Ai miei occhi è stato donato un profumato libro "La scuola degli ingredienti segreti " di Erica Bauermeister. Già le prime righe seducono lo spirito e invogliano a girare pagina rapidamente senza perdere di originalità."Lillian amava sopra ogni altra cosa l'attimo appena prima di spegnere le luci. Indugiava sulla soglia della cucina del ristorante, alle sue spalle l'aria fradicia di pioggia, e lasciava che gli odori la raggiungessero: lievito fermentato, caffè dolce-terroso e aglio, sempre più intensi. Sotto di essi. più elusivo, si espandeva il persistente aroma di carne fresca, pomodori crudi, cantalupo, acqua su lattuga....SEGUE

19 aprile 2010

La Frittata

Ma quanto è buona la frittata??? E quanto è buona la frittata svuotafrigo...di quelle frittate i cui ingrdienti non ricorderai mai oppure si li ricorderai, non verrà mai buona come la prima volta!!!
Qualche giorno fa in frigo c'erano delle uova giunte quasi alla scadenza che mi guardavano un pochetto malinconiche. Aspettavano trepidanti di essere utilizzate. C'ho un po pensato se fare un'altra crostata o dei biscottini, alla fine ho optato per una soluzione veloce e proteica che, dopo 60 minuti di nuoto, non guasta mai.
Così che nasce la mia gustosa frittatina: 3 uova (prossime alla scadenza), un ricottino 100 g della Vallelata (in offerta alla Coop), un pomodoro (togliere accuratamente i semini fastidiosi), cipolla (quella gradita), erba cipollina (e qui mi sono lasciata andare), olio, un pizzico di sale e un pizzico di pepe.
La preparazione della frittata la conoscete tutti quindi non sto qui a raccontare ma posso raccontare che accompagnata da un bicchere di vino rosso, proporrete una cena davvero sfiziosa!!!

14 aprile 2010

Pasticciando in cucina

Torno a casa il pomeriggio e tra le mie merende quella che preferisco è la fetta biscottata con sopra la marmellata se scura ancora meglio...e allora me ne preparo qualche fetta e guardo il vasetto di marmellata "Casa Giulia" in tutte le sue forme, leggo gli ingredienti, riguardo l'etichetta che mi piace un sacco e decido così di fare una crostata anzi più precisamete di pasticciare con la pasta frolla!!!E mentre il vasetto di Casa Giulia mi guarda, inizio ad impastare seguendo la ricetta della frolla presa dal blog di Chiara: 300 g di farina 00, 150 g di zucchero, 100 g di burro, 2 uova, mezzo succo di limone, 1 bustina di lievito.Pasticcio e ripasticcio e arriva il turno della marmellata di Giulia che finisce nello stampo di frolla ma sono troppo golosa che ogni tanto un pò finisce sulle mie labbra...e mi lecco i baffi!!!
Il pastccio che più preferisco sono le strisce da mettere sopra. Impiego sempre un tempo indefinito a farle: stendo la pasta, taglio le strisce, le rigiro, rimpasto la pasta e così stavolta le ho messe sopra rigirate...un vero pasticcio!!!
Metto in forno già caldo a 170 gradi per max 50 minuti e nel frattempo....
...rimpasto l'impasto avanzato e pasticcio dei biscottini ripieni di nutella!!!
Questa mattina, dopo un pomeriggio di pasticci, la crostata era lì ad aspettarci...baciata dai colori del primo mattino con una sempre buona tazza di latte tiepido...che bontà!!!

11 aprile 2010

Chiacchiere

Così trascorre un altro fine settimana, tra piante da potare e raggi di sole che baciano delicatamente il viso. Questa sera la mia pelle è rossa per stanchezza e abbronzatura!
Dopo una rigenerante doccia e profumate creme alla lavanda a tranquillizzare muscoli sotto sforzo, ci prepariamo un ricco barbecue.
E mentre apparecchio la tavola senza tralasciare nessun particolare...una candela che fa atmosfera...mon amour pensa ad accendere il fuoco.
I sapori di una terra marchigiana accompagnano la nostra cena...dal retrogusto di cioccolato che solletica i nostri palati alla delicatezza delle olive spremute sulle nostre bruschette.
Momenti così intimi e semplici, donano alla mia mente serenità e al mio spirito tanta pace interiore.
Riscaldare il corpo con un vino rosso di buona annata, è un attimo che mi coccola e al quale spesso ricorro per pensare e decidere.
Vi lascio augurando una buonaserata e un buon inizio settimana pieno di energie e buoni propositi.

7 aprile 2010

Leggere&Fotografare

Leggere e Fotografare, un binomio vincente tra sogno e realtà. Quell'attimo per leggere durante la giornata è sempre pronto a viaggiare con noi. Leggiamo per imparare a sognare perchè la conoscenza ci lancia in volo liberi.
Un libro è un un viaggio speciale così che ho scelto di riempire la mia casa di libri, ce ne sono ovunque e ognuno è un ricordo di un'emozione. Il blog Il Nascondiglio di Bacco lancia un'iniziativa per l'appunto dedicata alla lettura e alla fotografia. Mini concorso fotografico a tema...sbizzariamo le nostre menti con le foto più esuberanti.
La scadenza per l'invio delle foto è il prossimo 11 aprile. Tutte le info le trovate qui.

4 aprile 2010

Tortano

Tipica torta salata napoletana del giorno di Pasqua è il Casatiello o Tortano. La differenza tra i due sta nelle uova sode che nel Casatiello vengono posizionate sopra la torta fermate con delle strisce di pasta messe a croce proprio a simbolo della corona di spine del Crocifisso.
Nel Tortano invece le uove sode sono parte della farcitura insieme a salame e formaggi.
La ricetta base è davvero semplice forse un pò lunga e faticosa perchè l'impasto richiede molta energia per 10 minuti consecutivi.

INGREDIENTI
per la pasta
1 Kg di farina "0"
2 cubetti di lievito di birra
100 g di strutto
poco sale
tanto pepe
per il ripieno
100 g di provolone piccante
100 g di grana
100 g di emmenthal
100 g di fontina
400 g di salame tipo napoli
3 uova sode
Stemperare il lievito in acqua tiepida. Predisporre la farina a fontana e al centro aggiungere lo strutto, il sale, il pepe e il lievito sciolto. Impastare con forza per 10 minuti fino ad ottenere una pasta morbida. Durante l'impasto, battere la massa sul tavolo.Lasciare la massa in una ciotola coperta per un paio di ore, fino a quando avrà raddoppiato il suo volume. Nel frattempo tagliare formaggi e salame a dadini e mettere a cuocere le uova fino a che non siano sode. Trascorse le due ore, riprendere l'impasto e stenderlo allo spessore di un centimetro...consiglio l'uso del mattarello!!!
Coprire la pasta stesa del ripieno e arrotolare delicatamente.
Ungere con lo strutto uno stampo con buco centrale e disporre il rotolo di pasta, chiudere bene le due estremità e rimettere a lievitare per altre due ore in luogo caldo.
Terminata la lievitazione, mettere in forno già caldo a 160° per 10 minuti, passare a 180° per i restanti 50 minuti.

Il Tortano è buono sia caldo che freddo e anche riscaldato....Buona Pasqua.

1 aprile 2010

Pensiero

Sempre più spesso, presi dalla corsa della quoitidianità, si perdono di vista e di cuore quelli che sono i gesti e i momenti che più ci rendono felici perchè semplici e inaspettati. In passato, quando non esisteva internet e neppure i cellulari, si scrivevano lunghe lettere descrivendo ogni attimo senza trascurare nessun particolare neppure quello più banale...e non c'era niente di più bello che ricevere una lettera!!! Quello che più mi emozionava era pensare che quel pezzo di carta era stato nelle mani di un'altra persona che con cura e amore aveva cercato di scrivere le sue emozioni per rendermi partecipe della sua vita. Ecco...io tutto questo lo ADORAVO.
Poi per stare al passo con il futuro, siamo giunti a internet che tanta gente ci permette di conoscere e tra tanta gente capita di incontrare quella persona che ama scrivere e preparare doni proprio come a me.
La persona meravigliosa che ho avuto la fortuna di incontrare è Chiara. Ci tenevo a dedicarle un post perchè anche questa sera mi ha riempito il cuore di gioia, sorprendendomi con un suo pacco dono. Cantucci preparati con le sue mani, una bottiglia di SULTANO che abbiamo già aperto e al primo brindisi le abbiamo dedicato il nostro pensiero, piccoli ovetti per la ricorrenza pasquale e delle brochure che raccontano la sua terra tanto amata.
A volte basta fermarsi un attimo e pensare che esiste tutto questo per evadere dalla quotidianità.
Grazie Chiara